Avendo sperimentato dolore, ci sentiamo più felici

Si ritiene che la felicità sia un minimo di dolore e il massimo piacere. Tuttavia, sono sensazioni spiacevoli che spesso ci aiutano a concentrarci sul momento attuale e iniziano ad apprezzarlo. Lo psicologo Bastian Brock riflette su un ruolo inaspettato svolto dal dolore nella vita di tutti.

Oldos Huxley nel romanzo “Beautiful New World” prevedeva che i piaceri in corso portano a una sensazione di disperazione nella società. E Christina Onassis, l’erede di Aristotele Onassis, nell’esempio della sua vita ha dimostrato che l’eccesso di piacere è il percorso per la delusione, la sventura e la morte precoce.

Il dolore è necessario per il contrasto con il piacere. Senza di essa, la vita diventa noiosa, noiosa e completamente insignificante. Se non sperimentiamo dolore, diventiamo cioccolatini in un negozio di cioccolato – non abbiamo nulla da cercare. Il dolore migliora il piacere e contribuisce a una sensazione di felicità, ci collega con il mondo esterno.

Non c’è piacere senza dolore

La così chiamata “euforia del corridore” è un esempio di divertimento a causa del dolore. Dopo un’intensa attività fisica, i corridori hanno uno stato euforico. Questa è una conseguenza dell’effetto sul cervello degli oppioidi, che si formano in esso sotto l’influenza del dolore.

Il dolore è una scusa per il piacere. Ad esempio, molte persone non si negano nulla dopo essere andate in palestra.

I miei colleghi e io abbiamo condotto un esperimento: abbiamo chiesto a metà dei soggetti di tenere la mano nell’acqua ghiacciata per un po ‘di tempo. Quindi si sono offerti di scegliere un regalo: marcatore o barretta di cioccolato. La maggior parte dei partecipanti che non sentivano dolore ha scelto un indicatore. E coloro che hanno avuto il dolore hanno preferito il cioccolato.

Il dolore promuove la concentrazione

Sei impegnato con una conversazione interessante, ma lascia inaspettatamente un libro difficile sul tuo piede. Sei in silenzio, tutta la tua attenzione è focalizzata sul dito che soffriva del libro. Il dolore ci dà un senso di presenza nel momento. Quando si attenua, per un po ‘manteniamo il trucco per ciò che sta accadendo qui e ora, e pensiamo meno al passato e al futuro.

Abbiamo anche scoperto che il dolore aumenta il piacere. Le persone che hanno mangiato un biscotto al cioccolato dopo aver tenuto le mani in acqua ghiacciata hanno ricevuto più piacere di quelli che non erano sottoposti a

Le tue azioni. Rivivi dal tormento da due semplici domande: “pesce o carne?” E “poco o un po ‘più frigidita e anorgasmia c e una differenza E poi offri di fare un ordine da solo. Quindi è il motivo per cui è meglio invitare la ragazza all’istituzione, con l’assortimento di cui sei almeno superficialmente familiare.

test. Studi successivi hanno dimostrato che le persone che hanno recentemente sperimentato il dolore distinguono meglio le sfumature del gusto e riducono la criticità del divertimento.

Questo spiega perché è piacevole bere cioccolata calda se ci siamo congelati e perché una tazza di birra fredda dà piacere dopo una dura giornata. Il dolore aiuta a contattare il mondo e rende il piacere più piacevole e intenso.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Scroll to Top